//
stai leggendo...
Economia, Euro, Europa, Geopolitica

Cantiere Europa 2013

Ormai possiamo affermare senza tanti dubbi che il 27 e il 28 giugno scorsi i capi di governo europei hanno finalmente preso le decisioni giuste. Lo conferma in un’intervista rilasciata congiuntamente a cinque quotidiani europei («La Stampa», «The Guardian», «El País», «Gazeta Wyborcza» e «Süddeutsche Zeitung») il presidente francese François Hollande. «Oggi più nessuno pensa che l’euro sparirà o che la zona euro si spaccherà».

La parte più interessante della lunga intervista riguarda la proposta di un’Europa a più velocità, a cerchi concentrici: la linea sarebbe data dal centro, il nocciolo duro costituito dall’asse Parigi-Berlino, subito dopo verrebbero i paesi fondatori e a seguire gli altri Stati che hanno aderito all’euro e infine i dieci paesi (presto undici con l’arrivo della Croazia) che aderiscono all’UE ma non all’euro.

«Abbiamo una zona euro che ha un patrimonio, la moneta unica, e richiede un nuovo governo. Questa zona euro deve assumere una dimensione politica. Sono favorevole a che l’Eurogruppo, che riunisce i ministri delle Finanze, sia rinforzato e che il suo presidente si veda affidare un mandato chiaro e sufficientemente lungo. Sono anche favorevole a una riunione mensile dei capi di Stato e di governo di questa zona… Questa organizzazione non escluderà gli altri paesi. Chi vuole entrare nella zona euro sarà associato ai nostri dibattiti. Certi paesi non lo vogliono: è la loro scelta. Ma perché ci devono venire a dire come deve essere diretta la zona euro? È una pretesa che non capisco, ma che non mi sembra coerente».

Come dargli torto?

Per il 2013, Hollande conferma quello che abbiamo ripetuto varie volte nei nostri precedenti post. Serve l’Unione Bancaria, che dovrebbe consentire il superamento della crisi delle banche con la loro ricapitalizzazione, ma anche ieri Angela Merkel ha detto che bisogna procedere con i piedi di piombo, cioè lentamente, e testare con cura se il sistema funzioni, prima di dare la luce verde all’EBS per il rifinanziamento delle banche. Soprattutto, il prossimo fondamentale passo, prima dell’unione politica, è la costituzione di un Ministero delle Finanze europeo con poteri veri. L’unione politica dovrebbe seguire a ruota, e dovrebbe essere al centro del dibattito delle prossime elezioni europee nel 2014, in occasione delle quali dovrà essere fatto, ovunque nel continente ma soprattutto in Italia, ogni sforzo possibile per portare i cittadini e i politici a discutere dell’avvenire dell’Europa e di come la vorremmo.

Hollande esclude che si possa ripercorrere la strada seguita nel 2005, quando si cercò di produrre una Costituzione Europea con i risultati che tutti conosciamo. «Il contenuto viene prima del quadro», conclude Hollande. Per ora, prima di considerare seriamente gli Eurobond e la relativa mutualizzazione dei debiti europei, bisogna aspettare le prossime elezioni tedesche. La Merkel lo ribadisce ogni giorno: per adesso non se ne fa nulla.

Elido Fazi

Annunci

Discussione

3 pensieri su “Cantiere Europa 2013

  1. Forse l’asse Parigi-Berlino ai vertici direttivi della UE si presta a molti equivoci, dopotutto. In fondo una grande nazione come l’Inghilterra non ha mai avuto un ruolo preponderante nella UE, perchè credo si senta molto più “vicina” per lingua, per cultura e per tradizione agli USA che al resto dei paesi europei, sia che abbiano adottato l’Euro o meno.

    Pubblicato da Francesca Rita Rombolà | 19 ottobre 2012, 14:07
  2. Il Regno Unito, grande assente nella nostra Europa. Cosa cambierebbe? É vero che paesi come Svezia, Inghilterra, Danimarca, Norvegia etc sono piú vicini alla cultura anglosassone, che é Europea, non americana. Ricordiamolo.

    Pubblicato da Giovanni Rivalta | 19 ottobre 2012, 14:20
  3. Si, sono d’accordo…ma USA e Regno Unito hanno sempre avuto un, diciamo, “feeling” del tutto speciale; una specie di amore-odio che risale ai tempi della Dichiarazione d’Indipendenza americana.

    Pubblicato da Francesca Rita Rombolà | 22 ottobre 2012, 13:45

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ACQUISTA I LIBRI IN E-BOOK AL PREZZO DI 1 EURO!

ACQUISTA I LIBRI IN CARTACEO

E-BOOKS IN ENGLISH

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: